Assemblaggio impiantistica nel porto di Chioggia.

6/4/2018

Come avvenuto negli anni scorsi, il porto di Chioggia conferma di poter accogliere commesse di assemblaggi legati all’impiantistica, grazie alla disponibilità di ampi spazi adiacenti alle banchine.

Le due imponenti strutture che da inizio anno stanno ”crescendo” negli spazi portuali sono 2 STS (Ship to shore: gru per carico e scarico containers) della Bedeschi Group S.p.A. che concepisce, produce e testa tutti i componenti nel proprio workshop fornendo la qualità e l’elevato standard dei prodotti italiani.

Le gru, uniche nel loro genere, avranno, una volta completamente assemblate e trasportate su chiatta fino a Cipro, dimensioni mastodontiche: oltre 90 metri di altezza e l’ampiezza di due Airbus 380 (160 metri).


Con l'acquisizione della business unit OMG-MGM Cranes (già Officine Meccaniche Galileo), Bedeschi Group, la storica società di Limena (Pd) presente sul panorama italiano e mondiale sin dal 1908 con i suoi macchinari per la produzione di mattoni e movimentazione di materiale sfuso,  può ora ampliare il proprio range di prodotti per fornire nuove gru o svolgere attività complete di revamping  su gru quali STS, RTG e RMG.

Tutti i componenti meccanici sono costruiti presso la sofisticata officina Bedeschi, utilizzando macchinari, standard e procedure di ultima generazione che offrono tecnologie, strumenti e strutture per la perfetta lavorazione ed il collaudo di questi speciali elementi.

Grazie alle nuove capacità tecniche - unite all'esperienza sul campo - tutti i tipi di gru possono essere rinnovati e migliorati, offrendo maggiori performance, geometria aggiornata, maggiore vita residua, risparmi sui costi operativi e di manutenzione, migliorando la produttività, la sicurezza e l’affidabilità.

 

In quest'ottica, nel 2017 OMG-BEDESCHI ha firmato un contratto con EUROGATE CONTAINER TERMINAL LIMASSOL (CIPRO) per la fornitura di ingegneria, produzione e montaggio delle gru che si stanno assemblando a Chioggia.

Il porto di Limassol è il porto principale dell'isola di Cipro. Gestisce il 90% dei volumi di esportazione ed importazione del paese e dovrebbe diventare uno degli hub più importanti dell'area mediterranea.


Il Presidente Zanardo incontra multinazionale olandese pronta a investire sul Porto

26/2/2018

Chioggia, 23 febbraio - Damaso Zanardo, presidente dell’Azienda speciale per il Porto di Chioggia ASPO di proprietà della Camera di Commercio Venezia Rovigo Delta Lagunare, ,ha ricevuto ieri sera nella sede clodiense dell’ente i vertici della multinazionale olandese Shawcor produttrice di rivestimenti per tubazioni da impiegare nel trasporto di gas e petrolio.

Durante l’incontro di natura commerciale la multinazionale si è dimostrata interessata a investire ingenti somme sul Porto di Chioggia con una commessa della durata di due anni affidata a un’azienda di Adria per la produzione di 3mila tonnellate di tubazioni. A partire da giugno dal Porto di Chioggia potrebbe già partire la prima nave per l’esportazione dei prodotti in Quatar, una volta ottenuto il collaudo della banchina da parte dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Settentrionale.

 “Siamo molto soddisfatti dell’incontro e dell’interesse manifestato da una multinazionale così importante – dichiara Damaso Zanardo, presidente di Aspo Chioggia – Questo dimostra che lo scalo marittimo di Chioggia possiede enormi potenzialità e forti capacità attrattive. Potenzialità su cui Aspo, nonostante la delicata fase di riforma e il vuoto legislativo degli ultimi mesi, sta continuando a lavorare e investire in attesa che la conferenza dei servizi convocata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti chiarisca il destino dell’ente. In questi mesi, contrariamente a quanto si pensa, l’Aspo ha continuato nella sua attività a servizio delle imprese del territorio e dello sviluppo del Porto di Chioggia, ottenendo importanti risultati.”

 Nelle scorse settimane, infatti, si è concluso l’iter di aggiudicazione della gara per l’affidamento dei lavori di bonifica e riqualificazione ambientale delle aree inerenti alla realizzazione delle banchine a-b del terminal fluviomarittimo in Val da Rio, indetta a gennaio dello scorso anno.

 “Un risultato positivo e incoraggiante che ci permetterà finalmente di ripulire dai rifiuti una parte delle banchine e ampliare gli spazi dei piazzali – commenta Zanardo - Gli step successivi e fondamentali per il rilancio del Porto saranno, a mio avviso, quelli di  portare avanti le operazioni di manutenzione ordinaria di tutte le banchine. I canali di accesso hanno già fondali a -8,20 e -8,50 metri dal medio mare, basterebbe scavare sotto banchina per consentire l’ingresso e l’approdo di navi da 8/9 mila tonnellate in modo da dare accesso a tutte quelle imbarcazioni che generalmente navigano nelle rotte mediterranee. Inoltre servono edifici di immagazzinamento che possano consentire una diversificazione della tipologia di merce da trattare e quindi l’apertura verso nuovi mercati”.  

INTRAMOENIA DiAP SAPIENZA Università di Roma

1/12/2017

Venerdì, 1° dicembre 2017 alle ore 12.00 si inaugurerà a Venezia, presso la sala Gino Valle dello IUAV, la mostra "INTRAMOENIA. DiAP Progetti" che raccoglierà 10 lavori del Dipartimento di Architettura e Progetto della Sapienza Università di Roma.

Tra i progetti ci sarà uno spazio dedicato allo studio di prefattibilità del P.R.P. di Chioggia.

Locandina

Movimentazione merceologica anno 2016

20/3/2017

Il 2016 conferma l’andamento positivo dell’ultimo triennio per il comprensorio portuale  di Chioggia: 1.764.000 tonnellate di merci complessivamente movimentate, in crescita dell’11% rispetto al 2015.

ESPO 2015-2016

Nel 2016 il risultato migliore dal 2012, a conferma della costante ripresa dopo gli anni di profonda crisi economica internazionale.

TIPOLOGIA MERCI ANNO 2016

MOVIMENTAZIONE MERCI 2013 / 2016

© Aspo Chioggia 2008-2018, P.Iva: 02081110278 | Home | Porto | Collegamenti | Istituzioni | Notizie | Servizi | Operatori | Contatti | Note legali | Site map | Log In | by TEAMprogetti
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x